COSì SI STAVA INSIEME…

IN COMPAGNIA CON UNA VIDEOCAMERA…

E QUANTE STORIE DI FANTASIA!

E COSì SI STAVA INSIEME…

 

 

Un pò di tempo fa, mi sono imbattuta in un’avventura straordinaria ambientata negli anni ’90. Una storia reale e nel contempo di pura fantasia, che mi ha portato a scrivere questo articolo oggi.Un argomento di totale ispirazione, perché gli anni indietro si sa, sono sempre tempi di bei ricordi e delle cose belle e semplici che si facevano insieme. Questo è ciò che ripercuote le nostre menti.

Insomma, seduta sul divano, avvinghiata al mio compagno, di comune accordo, stabiliamo di guardare qualche vecchio filmino, riportato da vhs a dvd, dove lui e la sua compagnia dei tempi che furono, sono protagonisti di sketch e vicende varie.

 

Il mio compagno ha 46 anni… Considerate che il video risale al 1992/1993 circa… Ho passato due ore straordinarie! Ho riso come una matta! Mi sono divertita. Due ore di totale spensieratezza… e ho conosciuto un mondo che in qualche modo mi appartiene, ma in quegli anni ero ancora piccola per ricordarmi appieno di tutto.

Una meravigliosa compagnia di giovani ragazzi pieni di vita e di entusiasmo che stavano davvero insieme e scrivevano copioni per realizzare sketch divertenti e realizzare storie strane e assurde, con la loro totale complicità, i loro modi di essere e la voglia di stare insieme e divertirsi in modo semplice e sano.

 

Inoltre, alcuni di loro, il mio compagno compreso, avevano fondato una band e andavano in giro per la Lombardia a cantare e suonare, inseguendo il sogno della musica… E il mio compagno lo insegue ancora.

Dettagli a parte, bastava un gruppo di amici, una videocamera e tanta meravigliosa fantasia… E il gioco era fatto! Si registrava tutto, per rivedersi e ricordare insieme un domani, ciò che si era combinato ieri. Così si stava insieme… Così, ci si divertiva e ci si voleva bene davvero. Amici per la pelle! Quelli su cui si può sempre contare… Tutti con la stessa ideologia, tutti sulla stessa lunghezza d’onda… Cuore, passione, divertimento, unione, condivisione, voglia di stare insieme, voglia di divertirsi, voglia di tornare indietro nel tempo e fare le cose alla vecchia maniera… Unione, fiducia, semplicità, umiltà… E quel che sarà, sarà… Ci saremo divertiti con la nostra compagnia e avremo dei momenti indimenticabili da ricondividere e ricordare insieme un domani!

E VOI CHE RICORDI AVETE RACCHIUSI DENTRO A UNA VIDEOCCASSETTA?

COMMENTATE, DITECI LA VOSTRA!

CONTINUATE A SEGUIRCI!

GRAZIE PER ESSERCI!

8 thoughts on “COSì SI STAVA INSIEME…”

  1. Io mi ricordo, che ci si scriveva le cartoline in vacanza o le lettere alle ragazzine, e poi con ansia aspettavi che ti rispondessero, fermo davanti alla buca delle lettere per gg, e quando mia mamma mi portava lettere e cartoline io impazzivo di gioia, e conservavo tutto, poi uscivo con gli amici giocavi ai giardinetti creandoti qualsiasi gioco, io amo il calcio quindi gicavamo a pallone con le porte fatte di vestiti o semplicemente usavamo le panchine o gli alberi insomma era una creazione unica, un sollecitamento alla creatività, ora i tempi sono cambiati, bisogna andare
    veloci, i social hanno tolto le interazioni dal vivo, ora
    sei amico su facebook ma nn nella vita e a nessuno gli importa qualcosa, siamo un Mondo di solitudine dove a volte c’e quell’arcobaleno di turno che si chiama interazione che ogni tanto ancora salva questa epoca dalla solitudine globale…!!!

    1. Concetto veritiero e del tutto rispettabile. Questo indica la tua profondità d’animo. Grazie mille.

  2. Si stava talmente una crema che una volta salimmo sul palco in tre chitarristi con due amplificatori. Era un teatro, si apri il tendone e essendo il meno scaltro mi ritrovai senza amplificatore. Colpo di genio. Davanti a me una tastiera, spenta. Feci finta di suonare la tastiera per tutto il concerto, un tastierista indiavolato. Dovetti cacciare anche il fonico che preso dal terrore pensava di essersi dimenticato di accenderla la tastiera. Morale, alla fine del concerto, ricevetti complimenti da persone che di musica pensavo ne capissero molto e che non si erano accorti del totale bluff

  3. Io ho vissuto gli anni senza internet e senza cellulare. Infatti scrivevo un sacco di canzoni. Era tutto diverso ed a tratti più vero e sereno. Era bello anche il dover aspettare “una risposta” anche se magari scomoda. Poi scrivevo anche lettere ovviamente a mano. Si andava anche in biblioteca e si leggevano i giornali. Beh un altra epoca. Oggi è tutto più bello ma manca in noi la giusta misura.

  4. Con le prime telecamere portatili ci divertivamo a fare delle candid camera girando in auto e prendendo in giro i passanti. Rivedere e rivedersi poi a video era motivo di grosse risate in compagnia

    1. Straordinario… Concordo io a rivederli mi sono divertita e anche un po’ di malinconia e nostalgia ha preso il sopravvento…

I Commenti sono chiusi.